Foto Dizionario TreppecoreDizionario Abruzzese Treppecore, tutti i vocaboli con la lettera C.

A di Arezelà B di Bummàce C di Caviciùne D di Ddu Bòtte E di Entresatta
F di Freèchete G di Gargarozze H di Hufàne I di Inguastite J di Jnnotte
L di Leccamusse M di Mazzamurille N di Nemale O di Ondo P di Papagne
Q di Quajàte R di Ruscicòne S di Sciuscellette T di Tastafèrre U di Uatte Uatte
V di Villegne Z di Zzune      

C

  • c’trone: anguria
  • ca: cong. che, es.: so viste ca j cascate (ho visto che sei caduto)
  • cacarèlle: diarrea
  • cacatùre: cesso
  • cacaviesce: rosa canina; rosa selvatica che fiorisce tra le siepi e i rovi da maggio a luglio
  • caccave: grande caldaia
  • cacche: qualche
  • cacchedùne: qualcuno
  • cacchià: germogliare
  • càcchie: germoglio, gemma
  • cacchie: adoperata per chiedere di qualcuno, es.: addò cacchie se trove (dove mai si trova)
  • caccià: estrarre
  • cacciamaccarùne: scolapasta
  • cacciaspìne: acacia
  • caccinelle, cacciunelle: cucciolo
  • cacciòne: cucciolo
  • cacciunèlle: cucciolo, cagnolino
  • caccòse: qualcosa
  • caccùne: cani
  • cace: formaggio
  • cacìgne, cascìgne: cicoria
  • caciunìtte, caggiunìtte: dolci di pasta ammassata fatti a Natale e ripieni di marmellata
  • cacotte: chiocciola
  • cafè: caffè
  • cafòne: zappaterra
  • cafùne: contadini
  • cafurchie (lu): stamberga
  • cagge : uomo, donna, il tale, la tale
  • caglinàcciu: tacchino
  • cagne: cambio, cambiare, (cagne jòche: cambia gioco)
  • caglina: gallina
  • caglinacciu: tacchino
  • cagnu: cambio
  • caianelle: gabbiano
  • caijòle (la): gabbia per uccelli
  • cainà: vedere
  • cajàne: gabbiano, ma si si dice così anche di un tipo di cappello
  • càje: caglio
  • cajine: galline
  • cajòle: gabbia per uccelli
  • cajòn, cajone: cesto grande
  • cal: passaggio fra la neve
  • calamàre: calamaro
  • calandre: allodola
  • calate: bevuta
  • calatore: discesa
  • calavrusèlle: altalena
  • calcara: fornace per la calce
  • cale: scendi
  • calè: cosa è (M. sul S.)
  • calcagne, calecàgnu, calicagne: calcagno, tallone
  • callare (la): caldaia. Contenitore di rame fondo e rotondo utilizzato per la bollitura di grosse quantità di liquidi. Capacità massima due ettolitri (ddu salme). Ma anche paiolo, piccola caldaia di rame per cucinare
  • callarelle: secchio da muratore
  • calle: caldo
  • calle: callo
  • callècchie. foro fatto al cocomero o al melone per controllarne la maturazione
  • calzunìtte: dolce natalizio
  • camarda: pecora vecchia
  • camarole (lu): operaio che raccoglieva la came
  • camastra: catena di legno
  • cambà: vivere, campare
  • cambisànte: cimitero
  • cambra: camera
  • cambusànte: cimitero
  • came (la): residuo della spiga dopo la fuoriuscita del chicco di grano
  • camèlla: tegame
  • campà: campare
  • canavacciuol’, canavacciuole: verzellino
  • candène: osteria
  • candete: cantate
  • candine: osteria, bettola
  • candone: gradino
  • candune: massi, pietroni, macigni
  • canèje, canìje: crusca
  • canestru: grosso cesto di vimini col quale si portava il pranzo ai contadini in campagna
  • canistrèlle: cesta
  • canna: gola
  • canna fischie: località battuta dal vento, dove le canne fischiano
  • cannail: candela (Montebello sul Sangro)
  • cannarazzune: rigatoni
  • cannarine: gola
  • cannarozze, cannaruozze: gola
  • cannata: brocca
  • cannèle: candela, cero
  • cannelle (lu): matterello
  • cantà: cantare
  • cantalone: nenia funebre
  • cantamesse: mantide religiosa
  • cantuin: cantina
  • cantunìre: cantoniere
  • capà: scegliere
  • capabballe: in giù, in discesa
  • capàce che: forse
  • capaddùzie: capopopolo
  • capanze: scelte personali (es.: Giuvà, nne sta’ fa’ le capanze: Giovanni, non stare a scegliere come ti pare)
  • capàrce, capèrce: entrare (in un contenitore. Es: pe’ n’tra’ ju dentre bisogna capàrce, capèrce.)
  • capare: scegliere
  • caparrelle: cinciallegra
  • capatùre: cernita, scelta, dal verbo capàre
  • capellà: più in là
  • capelomme, capilòmme: lombata di maiale, si adopera pure per dire di qualcuno troppo lento, grosso e tardo alla comprensione
  • capedanne: capodanno
  • capemuzze: ceppo
  • capescale (lu): scalinata esterna
  • capestà, capistà: calpestare
  • capestàte: calpestata
  • capèstene: calpestano
  • capèste: calpesto, calpesta
  • capèzze: briglia per animali
  • capì: capire
  • capille: capelli
  • capìste: calpesti
  • capistème: calpestiamo
  • capistète: calpestate
  • capistieru: lungo piatto di legno
  • capistòrne: capogiro
  • capistùrne: capogiri
  • capitune: anguille di grandi dimensioni
  • capocce: capocchia
  • capefamije: capofamiglia
  • capomìlle, capumìlle: camomilla
  • cappe (la): quella del camino, mantello usato solitamente dai poveri
  • cappellitte: copricapo
  • caprare: capraio
  • caprègne: caprino, di capra
  • capudanne: capo d’anno
  • capumìlle: camomilla
  • capusdòzio: principale
  • carafelle: bolle
  • carafoccia: tasca della gonna
  • carafocce: tasche
  • carastòse: costoso, ma si dice pure di persona difficile da trattare
  • carbinìre: carabinieri
  • carciòfene: carciofo
  • carèra: osteria
  • carfàgna: sonnolenza
  • cargène (lu): fico secco
  • caricà: caricare
  • carie: guasto, deteriorato carnassciàle: carnevale, (ttande carnassciàle = tante carnevalate).
  • carote: cazzotto
  • carpa pàje: pene
  • carpenélle (la): muschio
  • carracìne: fichi secchi
  • carratèlle: caratello, piccola botte per la conservazione di vini pregiati.
  • carratêre (lu): arnese per fare i maccheroni
  • carre: carro
  • carrià: trasportare
  • carrìe: traporto
  • carrième: trasportiamo
  • carrìene: trasportano
  • carriète: trasportate
  • carrijòle (la): carretto con una ruota
  • carrijòle (lu): contenitore di cereali a doghe in legno carrine: distorsione dialettale della parola “carlino”. Il “carlino” era una moneta d'oro e d'argento del regno di Sicilia, fatta coniare da Carlo I d'Angiò (da cui il termine carlino); quella d'argento, con varie modificazioni, fu emessa fino all'ultimo sovrano delle due Sicilie. Dieci carlini equivalevano ad un ducato
  • carusà: tosare, depilare, tagliare pelo o capelli
  • carusàte: depilato, tosato, tagliato
  • caruse : luogo per la tosatura
  • carusèlle, carusille (lu): salvadanaio
  • carvòne: carbone
  • carvunàre: carbonaro
  • cascà: cadere
  • càsce (lu): formaggio
  • cascecavalle: caciocavallo
  • càsche: cade
  • caschème: cadiamo
  • càschene. cadono
  • caschète: cadete
  • casciere: pastore che fa il formaggio
  • casciòtte: caciotta
  • casciuttàre: caciottaro
  • casìne: bordello casone: rifugio
  • cassce (la): cassa
  • cassciòne: cassa da morto
  • casurielle: salvadanaio. Il termine sembra derivare dalla locuzione "casa aurea" (casa d'oro) a cui è stato aggiunto il suffisso "elle" per indicare, come sempre nel nostro dialetto, qualcosa di piccole dimensioni. Letteralmente quindi la traduzione letterale sarebbe "piccola casa d'oro". Del resto un termine molto simile lo troviamo attribuito ad un comune della provincia di Napoli: Casoria. Lo stemma cittadino di tale località reca, infatti, una casa d'oro in campo azzurro
  • catane: tasca della parte interna della giacca
  • catenacce: corteo nuziale
  • catetrale: cattedrale
  • catille: lappole, adoperato anche per cavillo
  • catòrce: oggetto o persona logora, inservibile, malridotto
  • cauze:pantaloni
  • cauzone, cauzune: pantaloni
  • càvice: calce
  • caviciùne: dolci pasquali a base di formaggio
  • cavizètte: calza
  • cavuta: buca
  • cavutà: bucare
  • cavallune (li): onde
  • càvze: pantaloni
  • cazètte: calze
  • cazùne: pantaloni
  • cazzarelle (lu): peperoncino
  • cazzarola: casseruola
  • cazziàte: forte rimprovero, sgridata
  • cazzùne: pantaloni
  • ccalesole: ponente, dove scende il sole
  • cchêne (nu): poco
  • cchiappine: albero di pino
  • cchisse: quelli
  • cchiù: più
  • cciatté (lu): lucciola
  • cciche: piccole
  • ccusciè: così
  • cecagne: colpo di sonno
  • cecate: cieco
  • ceccia: getto d’acqua
  • cecemaragne (lu): ragno
  • cecora: cicoria
  • cècule: foruncolo
  • ce jeme: ci andiamo
  • cella: pene
  • cellàre: gabbia, (dendr’a na cellàre: messe in gabbia)
  • cellarella: sgabuzzino, piccolo vano
  • célle (lu): uccello
  • celugne: schizzinoso
  • cemausa: scalinata esterna
  • cemènte, c’mente: cemento
  • cemmece: cimice
  • cênde (la): cintura
  • centrine: cinturino
  • ceràce: cigliegie
  • ceracia: ciliegia
  • cerasa, ceresera: ciliegio
  • cerasce (la): ciliegia
  • cerasa, cerase: ciliegia
  • cèrca: quercia
  • cerceije: orecchini
  • cèrche (la): questua
  • cèrchene: cercano
  • cercìne: panno ritorto a forma di ciambella
  • cercua: quercia
  • cerke: mazzo
  • cerluotte: pantofole
  • cerq’, cerque: quercia
  • cèsa: terreno sterile
  • cètele (lu): bambino
  • cetrêne, cetròne (lu): anguria
  • ceuse: mal ridotto, poco di buono
  • ce vadàime, ce vedème: addio, ci vediamo, arrivederci
  • c'ha mànche, ci-à mànche: manca, non basta
  • ch'aja fà, ca jia fà: che devo fare
  • ch’n’, chène: cane
  • chechécce (la): zucca
  • chêcheme (lu): recipiente in rame con manico, posizionato vicino al fuoco per fare acqua calda
  • chechêmbre (lu): cetriolo
  • checocce: zucca
  • chela: parecchi
  • chênge (lu): fabbrica di liquirizia
  • chénnele (la): culla
  • chennerine: corde vocali
  • chèqula: sterco di ovini e caprini
  • chèse: casa
  • chettore (la): pentolone
  • chezette ferrate: calze ferrate
  • chi: pron. che, es.: chi fatte? Che hai fatto?
  • chiacche: laccio di metallo per la cattura di animali selvatici. Era posto nei punti di passaggio della bestia che era attirata con qualche esca. Quando l'animale passava il laccio si stringeva imprigionandolo o soffocandolo.
  • chiacchielle: fanfarone
  • chiachijlle: persona inaffidabile, fanfarone, sbruffone
  • chianette: calci, (coppie de chianette: coppie di calci)
  • chiapparelle: molletta per il bucato
  • chiappe dèmbese: pendaglio da forca, pezzo di merda
  • chiarète (ha): ubriaco, (ha chiarite: è ubriaco)
  • chiatre: glassa ottenuta montando l'albume dell'uovo con una forchetta o con una frusta da cucina
  • chiavàte: copula
  • chiavecòne: da chiavica, fogna, (dispregiativo: donna di malaffare, puttana)
  • chichilùne: pietre grandi, grandine
  • chichìrche: cicerchia
  • chicòcce: zucca
  • chicuccèlle: zucchina piccola
  • chieche: piega. Chiamata anche pleche. Oltre al significato generico (la chieche di la onne o di lu calzone: la piega della gonna o del pantalone), la parola chieche (o pleche) è usata anche come riferimento ad una porzione abbondante di salsiccia (na chieche di salcicce). Le salsicce, per essere essiccate, erano poste su bastoni di legno collocati in alto, in locali con scarsa umidità (di solito la cucina). Seccandosi, la parte che poggiava sul bastone e la parte opposta, si restringevano formando così una piega.
  • Chienche: macelleria. Termine arcaico quasi in disuso, è d'importazione partenopea. L'origine della parola va ricercata nel basso latino ed in particolare nel termine "planca" (palanca, tavola lignea) che, in napoletano, divenne "chianca". Poiché originariamente l'esposizione e la vendita al minuto delle carni macellate avveniva tenendole poggiate su un tavolo di legno (una palanca, appunto), è facile risalire all'etimologia della parola: la macelleria è un luogo ove si trovino una o più tavole di legno
  • chjisarelle: piccola chiesa, es.: lu picche de la chjisarelle: il piccolo campaniledella chiesetta
  • chillì, cullè: quella
  • chiochie (li): ciabatte (ciocie: scarpe da contadino)
  • chioi: chiodi
  • chioppe: scarponi
  • chiòchiere: ciabatte, pantofole. È forse questa l'occasione più propizia per riconsegnare al dialetto abruzzese la "paternità" di questo vocabolo che, del tutto erroneamente, viene da sempre attribuita al dialetto di Ciociaria (Lazio-Frosinone). Sulla base di questo infondato presupposto, il termine viene poi riferito al dialetto abruzzese come una traslazione da quello ciociaro. In effetti la citata zona del Frusinate deve il proprio nome al vocabolo dialettale "ciocia" che indica appunto una sorta di calzatura rustica costituita da un unico pezzo fissato al piede per mezzo di corregge di cuoio o stoffa. Ma il termine "ciocia" deriva dall'abruzzese "chiochie" direttamente ereditato dal latino
  • chiove: chiodo, pensiero fisso
  • chiove (lu): sbornia
  • chische: cadi
  • chi scì ‘ccise, chisciccìse: mannaggia, accidenti
  • chìse, cchijse: chiesa
  • chissì: questa,
  • chistì: questa
  • chiatarra: strumento tipico abruzzese per fare la pasta in casa, detta – alla chitarra -
  • chitho: presto
  • chiù: più
  • chiuorte: storto
  • chiupp: pioppo (Montebello sul Sangro)
  • chiuvètte: chiodino
  • chiuvusu: piovoso
  • chivielle: nessuno
  • ciaciacche: la poltiglia che si forma negli scoli delle stalle, liquame
  • cicciacole, ciacciagole: gazza ladra
  • ciàccie: carne
  • ciaffòne: uno che fa le cose in modo disordinato, leggero
  • cialefone: disordinato
  • ciallella: verdura di montagna e pane bagnato
  • ciambane: (la): zanzara
  • ciammaglica: generico per lumaca
  • ciammaìche, ciammaijèche, ciammajiche (la): lumaca
  • ciammaichèlla, ciammarechelle: piccola lumaca; piccola strada di montagna a tornanti, aspra
  • ciammaragne: ragno
  • ciammarèche: lumache (pasta)
  • ciammarìche: lumache
  • ciammariuc’, ciammariùce: lumaca
  • ciampàne: zanzara
  • ciampechêne, ciampecòne (lu): inciampata
  • ciànghe: gamba malandata
  • cianghette: sgambetto
  • ciangrassone: grassone
  • ciappètte: piccolo fermaglio, molletta
  • ciarambane: il vorticare dell’insetto sul boccio del fiore.
  • c-i-arbìje, c'arbije: ricomincia da capo, riprendo tutto dall'inizio
  • c-i-arcàle, c'arcàle: ci riscendo, scendo di nuovo
  • ciarcélle: sporco residuo
  • c-i-arcònte, c'arcònte: ci racconta, ci dice di nuovo
  • c-i-arcòtte, c'arcòtte: ci ha cotto di nuovo
  • ciarfajeve: raccontare, quasi fantasticando, mitizzando.
  • ciarfèlle (la): testa
  • c-i-arpulìte, c'arpulìte: ci ha ripulito, ci ha tolto, riferito al denaro
  • ciàrra ciàrra: pieno, colmo fino all'orlo
  • c-i-ardà, c'ardà: ci ridà, ci restituisce
  • c-i-ardètte, c'ardètte: ci ha detto di nuovo, ce l'ha ripetuto
  • c-i-arduvàje, c'arduvàje: ci procura
  • c-i-arfì, c'arfì: ci rifai di nuovo, torni un'altra volta a fare ciò che hai fatto
  • c-i-armàste, c'armàste: ci è rimasto, ci resta
  • c-i-arnàsce, c'arnàsce: ci rinasce, nasce di nuovo, un'altra volta
  • ciàrra ciàrra: colmo, pieno fino all’orlo
  • ciarrapìche: brinata del mattino
  • ciarròcche: grappoletto di frutta
  • c-i-arsàje, c'arsàje: ci risalgo, torno su di nuovo
  • c-i-arsète, c'arsète: ci siete di nuovo
  • c-i-arsème, c'arsème: ci risiamo, la cosa si ripete
  • c-i-arsumèje, c'arsumèje: ci assomiglia, gli somiglia
  • c-i-arvà, c'arvà: ci va di nuovo, ci va un'altra volta
  • c-i-arvàje, c'arvàje: ci vado di nuovo, un'altra volta, ancora
  • c-i-arvè, c'arvè: ci ritorna di nuovo, viene un'altra volta
  • c-i-arvìste, c'arvìste: ci ha visto un'altra volta, di nuovo
  • c-i-asveje, c'asvèje: ci sveglia
  • c-i-attòcche, c'attòcche: ci tocca, ci spetta, è nostro
  • c-i-attucchèje, c'attucchèje. ci toccava, ci spettava, era nostro
  • ciàue: ciao
  • ciautèlle, ciaudelle: pane bagnato con basilico, aglio, pomodoro, ecc.
  • ciavaije: balbuziente
  • ciavajone: balbuziente
  • ciavajà: balbettare
  • ciavardélle (la): ragazza di facili costumi
  • ciavarra, ciavarre: giovane pecora di un anno, oppure: giovane donna ciarliera e vana
  • ciavuche: buco-buca. Oltre al significato citato, il termine fa riferimento anche ai "buchi" anatomici.
  • ciavucuate: bucato, perforato
  • cicagne: sonno
  • cicceche: pensiero fisso
  • cicelle: ombelico
  • cicenterre: capinera
  • cìche l’ucchie: chiudere gli occhi
  • cicinelle: salvadanaio
  • cicirchie: cicerchia
  • cicirchieta: anello
  • cieca: poco
  • cieciula: pancia
  • cièrve: acerbo
  • cifanasse: diavolo, spirito del male
  • ciffe ciaffe. pietanza a base di carne di maiale
  • cìle: cielo
  • cilicie: cintura ruvidissima e nodosa da portarsi sulle carni per penitenza
  • cilinghe: cocci di vetro, termine onomatopeico
  • cillate: bacato, andato a male, guasto. Riferito solo a prodotti alimentari (soprattutto granaglie, cereali, legumi ecc.) quando le scorte stipate vengono attaccate da larve di insetti che se ne nutrono provocando, ad esempio, le tipiche perforazioni delle semenze
  • cillètte: uccelletto
  • cillistrine: civettuolo. È doveroso precisare che la civetta in quanto animale viene correntemente indicato col termine "ciuvetta" e che l'uso della parola "cillistrine" è ironicamente vezzoso
  • cillìtte: uccelli
  • cillìte: bacato
  • cillucce: uccellino (diminutivo o vezzeggiativo della parola uccello). Lo stesso termine viene usato anche per indicare una sorta di biscotto di pasta frolla ripieno di marmellata o altro. Questa ghiottoneria, spesso cosparsa di zucchero a velo, viene infatti lavorata simile ad un fagottino che ricorda la forma di un uccellino
  • cillune: corvi, cornacchie. In genere tutti gli uccelli di grossa taglia. Il termine viene anche riferito alle persone inopportune che con il loro improvviso apparire suscitano disappunto
  • cimmitòrie: ossario
  • cinciapélle (lu): parte scarta della carne
  • cinciàre: cenciaio, cenciaiolo
  • cinciò: cencioso, usato come insulto
  • cindrine: cinta
  • cindrune: chiodo lungo, grosso e quadrato
  • cinìzie: cenere
  • cinòbbie: cenobio, comunità religiosa, monastero
  • cintrelle: chiodi
  • cintrìne: cinta dei pantaloni
  • ciòcchele: si dice delle cose inutile
  • cioccare: ciocco, legna grossa
  • ciochin: campanello
  • cioce: Cerambice Eroe. Coleottero della famiglia dei Cerambicidi
  • ciomme: gobba, escrescenza
  • ciònghe: offesa (rivolta a qualcosa che non è normale, che manca, che è rovinata. Te’ ‘na mana cioghe: ha una mano offesa, rovinata, ecc,)
  • cioppe: zoppo
  • cippitielle: pezzetti di legno di scarto delle fascine. Utilizzati per ravvivare il fuoco
  • ciungà: offendere, rovinare fisicamente qualcuno con la violenza
  • ciungàte: offeso, rovinato, picchiato con violenza
  • ciosca: associazione segreta per delinquere
  • ciprigne: la luna
  • cirasce, ciresce: ciliegie
  • ciràse: ciliegie
  • circhè: cercare
  • cìrche: cerca, chiedi
  • circhème: cerchiamo, chiediamo
  • circhète: cercate, chiedete
  • cìre: cera
  • cirèsce: ciliegia
  • Cisandàngele: Città Sant’Angelo, (antico Angulus o Angulum)
  • cischtuie: tartaruga
  • cistu: cesto
  • cìtele: bambino
  • citilànze: infanzia
  • cìtolo: ragazzino
  • citilòne: bambinone
  • citròne. anguria, cocomero
  • cìturu: lattante, bambino
  • ciùcchele: vasi di latta o di coccio (ciùcchele vicchie: robaccia vecchia di poco conto)
  • ciuccia: sesso femminile, ma si adopera quando bisogna dare dell’asino a una donna (si’ ‘na ciuccia: sei un’asina)
  • ciucculattire: macchinetta per fare il caffè
  • ciuccule nire: cozze
  • ciufella: sesso femminile
  • ciufellare: pifferaio
  • ciuffile: fischio
  • ciuffilùne: pasta rigata
  • ciufielle: fischietto
  • ciuhètte: civetta
  • ciula: pene
  • ciumme: rialzo, gobba
  • ciummner: ciminiera o camino (M. sul S.)
  • ciummenire, ciumminìre (la): camino, ciminiera
  • ciuppìne: andamento irregolare nel camminare
  • ciurlate: raggirato
  • ciurle: capelli
  • ciurrijòne: capellone
  • ciutròne: cocomero ciuvìre (la): vecchio carretto con una ruota e due stanghe per trasportare il letame
  • ciurmàjje: moltitudine ostile.
  • ciuminire: ciminiera
  • ciucculattera: caffettier
  • ciuppe: zoppo, sciancato.
  • ciurre: capelli, ciuffo
  • civòmmeche: bozzo
  • cizza: bambina
  • clliu: chiodo
  • clunnet: comodino
  • cocca: sesso femminile
  • cocca: gallo
  • còcce: testa
  • cocco, cocca: caro, cara – affettivo
  • cocchia, cucchie: crosta
  • coccia, cocce: testa, testone
  • coccia pilate: calvo
  • còce: scotta
  • còce: cuocere
  • còcene: cuociono
  • cocle (le): bocce
  • cògne: cuneo
  • coi, col, con: ‘nghi (prep. art.)
  • colla: con la
  • còlle: colle
  • còlle: collo
  • colovra: biscia
  • conghe: conghe. canca, anfora di rame
  • consòle: pranzo dei parenti per il morto
  • coppallìnde: qualche sasso
  • coppe (la): recipiente in ferro che serviva per cuocere al fuoco una pizza di granturco
  • coppe (lu): modo di chiamare le patate cotte sotto la cenere del camino. Es. famme ddu patàne a lu còppe
  • còppele : berretto
  • coppola: berretto
  • còre: cuore
  • corne: una salsiccia della "catena"
  • corre: correre, dope lu corre: dopo la corsa
  • cossa (la): gambe
  • cosse (le): gambe, pl.
  • cosse: coscia
  • costa: salita
  • còte: còlto, preso
  • cotirenzinzile: vutrettola
  • cotte: cotto
  • còtiche: cotenna
  • cottomà: accostumare, sistemare
  • cràjna: piccone
  • crape: capra
  • crastate: castrato, evirato
  • crea cìtele: pene
  • credenze: credito, (sta credenze: questo credito)
  • creiura: fascio di legna messo a seccare sopra un muretto
  • cresce: crescere
  • crèscene: crescono
  • crèscite: crescita
  • criature, crijature: neonato
  • cridenze: credenza, mobile da cucina
  • crijànze: educazione
  • criscèjene: crescevano
  • criscème: cresciamo
  • criscènne: crescendo
  • crisciùte: cresciuto
  • cresommele, crisommele: albicocca
  • crispelle: frittatine usate per cucinare paste in brodo o al forno
  • cristijane: persona
  • cristijne: persone, gente (plurale)
  • cristore: scopa, realizzata di solito legando insieme, intorno ad un bastone, alcune piante di ginestra
  • crita: creta, argilla
  • criule (li): stringhe in cuoio
  • crillà: scricchiolare
  • crille: scricchiola
  • crivelle: utensile per setacciare il grano dalla polvere di terra
  • crocche: uncino, gancio.
  • crucchi: tedeschi
  • crueje: scorreggia
  • cruja: grinza
  • cruvélle (lu): setaccio a larga trama, macinagrano, arnese per separare il grano dalle scorie
  • cruvelluccije: piccolo setaccio
  • cruvillate: pieno di buchi e rovinato
  • cuàne: cane
  • cuàzze: pene
  • cubbelle: niente
  • cucchiare: cucchiaio
  • cucchiaròne: grande cucchiaio di legno d’acero
  • cùcchie (la): crosta
  • cucciole (la): tellina
  • cuccumèlla: pentolina
  • cùce: cuce (j còce, tu cùce, esse cùce, nu cucème, vu cucète isse cùcene)
  • cùce: cuoci (j còce, tu cùce, esse còce, nu cucème, vu cucète, isse còcene)
  • cùceme: cucimi, ma anche cuòcimi
  • cucème: cuciamo
  • cùcene: cuciono
  • cucènte: che scotta, cocente, che brucia
  • cucète: cucìte, ma anche cuocète
  • cucchiare: cucchiaio, cazzuola da muratore
  • cucchie: crosta del pane
  • cucciùte: caparbio
  • cucì: cucire
  • cucivule: garbato
  • cucumaija: ardere senza fiamma
  • cugnàteme: mio cognato
  • cugnàtete: tuo cognato
  • cugnugne: congiungere, congiunge
  • cuijéte: zitto, quieto, buono
  • cujòne: coglione
  • cuitòre: coglitore
  • cule: culo, sedere, posteriore, il di dietro
  • culle: culla
  • culle: quello
  • culle: colli
  • cullè: quella – riferita a persona
  • cullù: quello . riferita a persona
  • culunzìnu: immediatamente
  • cumbarzijune : dolciumi rustici cotti al forno. I contadini li offrono duranti i lavori di mietitura e di trescatura del grano
  • cumète: aquilone
  • cummannà: comamandare
  • cummannànte: comandante
  • cummànne: comando
  • cummatte: avere a che fare
  • cummèdie: chiasso
  • cummende: convento
  • cummigghiàri: coprire
  • cummite: scampagnata
  • cummudine: corpetto
  • cummudine: mobiletto a lato del letto
  • cumpirziuni: buscotti non dolci fatti in occasione della trebbiatura
  • cundindezze: allegria, contentezza
  • cunsirvà: conservare
  • cunsuole: consolo
  • cuntà: contare
  • cuntràtte: contratto
  • cunucella: rivolo d’acqua
  • cunvulze: agitazione nervosa di persona che non riesce a conservare più di un istante la stessa posizione
  • cunzije: consiglio
  • cuoppe: grosso mestolo
  • cupèrte: coperta, coperto
  • cupìrchie: coperchio
  • cuppène, cuppine, cuppinu: mestolo
  • cuppìne: schiaffo
  • curale: da coro, (lirica curale: destinata ad essere recitata a più voci)
  • curce: verso onomatopeico col quale si richiama l'attenzione dei conigli d'allevamento. La parola viene pronunciata con voce un po' in falsetto e facendo vibrare la "r" sotto il palato con suono sordo. Era probabilmente un ingenuo tentativo di imitare il verso di questi animali (pressoché muti) per indurli ad avvicinarsi e lasciarsi accudire o prendere. Forse per riflesso condizionato, le bestiole rispondevano sempre al richiamo e si avvicinavano senza timore alle mani del padrone
  • curèje: scorreggia rumorosa
  • curène (la): vento garbino
  • curiale: membri della giuria
  • curnone: angolo
  • curtèlle: coltello
  • curtiell: coltello (M. sul S.)
  • curve: corvi
  • curve: curva, (e ffàlle sscì de curve riscia rìsce: lasciala uscire rasentando, sfiorando la curva)
  • cuscì, accuscì: così
  • cussè: questa – riferita a persona -
  • cussù: questo – riferito a persona –
  • custatelle: costata
  • custù: questo
  • cutènne: cotenna, (a volte testa)
  • cuteranzinzere: cianciallegra
  • cuterèzze (lu): parte posteriore sporgente dei gallinacei
  • cuttòne: cotone
  • cuttrille: cortile
  • cutture: paiuolo. Recipiente da cucina di rame, fondo e rotondo con manico di ferro arcuato. Molto più piccolo della "callare", era usato per cucinare. Solitamente era appeso alla catena del camino. Chiamate da qualcuno anche callare
  • cutùle cutùle: si adopera nella frase: mò te facce cutùle cutùle, ovvero, adesso te le suono di santa ragione
  • cutturu: pentola
  • cùtulu: sconsolato
  • cutuòrne: calzettoni
  • cuturne: stivaletto, calzari
  • cuttùru: pentola
  • cuzze: posto nascosto la cui esistenza non va rivelata per evitare che altri possano venirne a conoscenza. Termine particolarmente usato dai bambini per indicare un luogo segreto dove nascondere o reperire in abbondanza qualcosa da non condividere con nessuno
  • cuzzette: nuca

Tratto dal dizionario TREPPECORE per gentile concessione di NGULOTU www.abruzzo.fm

Lascia un Commento


*