Grotta Sant’Angelo

Grotta Sant'Angelo, Gole del Salinello, Abruzzo031La Grotta Sant’Angelo, denominata anche eremo o grotta di San Michele, si trova nel territorio di Ripe di Civitella, frazione del comune di Civitella del Tronto, in provincia di Teramo, nella parte settentrionale della regione Abruzzo.

Ubicata all’interno della Riserva Naturale Gole del Salinello, una delle aree più suggestive del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, la Grotta Sant’Angelo rappresenta la più grande grotta abruzzese dedicata al culto di San Michele Arcangelo, protettore dei longobardi, da sempre conosciuto sotto il soprannome di Sant’Angelo, culto che risulta essersi radicato soprattutto in Italia centrale e meridionale, specialmente in Abruzzo ed in Molise.  

Il connubio tra San Michele Arcangelo e le grotte, che molto spesso portano il suo mone, deriverebbe dal fatto che la tradizione vuole che l’Arcangelo, dopo aver sconfitto Lucifero, l’avrebbe  relegato nelle viscere della terra.

La Grotta di Sant'Angelo è considerata anche una delle caverne rupestri più importanti della preistoria italiana. Dopo essere stata, per secoli, un rilevante luogo di culto, ancora oggi è meta di pellegrinaggi in onore di San Michele Arcangelo ed il 1 Maggio e il 29 Settembre di ogni anno vi si celebra ancora Messa. Scavi archeologici hanno restituito importanti reperti che vanno dal Neolitico, dal V millennio a.C., all’età del Bronzo, dal 3.500 al 1.200 a.C., fino all'età del Ferro, intorno al I millennio a. C.. Sono stati rinvenuti diversi strumenti in pietra, come punteruoli, raschiatoi e lame. Importante è il rinvenimento di antichi piccoli cocci di ceramica, attività, in quel tempo, fiorente in tutta l’area, quali ciotole, scodelle, vasi e tazze relativi all’età del bronzo medio. Sono stati rinvenuti anche numerosi resti ossei umani, in parte bruciati, principalmente di soggetti giovani, che fanno ritenere che nella grotta si praticassero riti di fertilità, e resti faunistici di orsi, stambecchi e camosci. Tutti i reperti sono oggi custoditi nel Museo Archeologico di Teramo.

Foto Grotta Sant’Angelo (Ripe)

Sono presenti anche resti di epoca medievale, del XIII secolo, quando vi si insediarono i primi eremiti. Sono di epoca medievale le strutture murarie, come  i resti di un forno, l'altare del 1236, e la gradinata in pietra che porta alla grande apertura sulla parete orientale. Sono del periodo medioevale anche i resti della sepoltura di una giovane donna.

L’interno della Grotta Sant’Angelo è caratterizzato dalla presenza di vari ambienti. L’entrata, oggi, è protetta da un cancello, che immette in una stanza dove si affacciano delle cellette, usate dagli eremiti. Dalla prima stanza una scalinata porta ad un piano superiore dove si nota la presenza di un altro ambiente e di una grande apertura sulla vallata delle Gole del Salinello, da cui si gode di una meravigliosa veduta. Sempre dalla stanza d’ingresso, un piccolo passaggio conduce in una grande sala, illuminata da una grande apertura, raggiungibile tramite una ripida gradinata, dove si trova il vero cuore della chiesetta rupestre, l’altare. Ai lati della grande sala si notano una serie di piccoli ambienti e cunicoli

Recentemente all’interno della grotta è stato allestito anche un Museo che, con una serie di pannelli illustrativi ed immagini, accompagna il visitatore nel percorso, raccontando la storia del sito.

L’escursione alla Grotta Sant’Angelo è di facile attuabilità. Si tratta di una passeggiata di circa 10 minuti di cammino, attraverso leggere salite e discese, tra fantastiche veduta dei canyon delle Gole del Salinello. Una volta raggiunta Ripe di Civitella, da Civitella del Tronto occorre seguire le indicazioni per la Grotta Sant’Angelo, passare una piccola chiesa, girare subito a sinistra, sulla stradina che costeggia la chiesa, fino a raggiungere un ampio piazzale, attrezzato anche per il pic-nic, dove è possibile parcheggiare i mezzi.

Come raggiungere la Grotta Sant’Angelo

Dal Nord e dal Sud Italia: prendere l’autostrada Adriatica a 14 e, una volta giunti in Abruzzo, uscire al casello Teramo/Giulianova/Mosciano Sant’Angelo. Proseguire sulla  SS 80, la Strada Statale del Gran Sasso, con direzione Teramo. Imboccare, poi, la SS 81 in direzione di Civitella del Tronto. Proseguire in direzione di Ripe di Civitella e, una volta arrivati nei pressi del piccolo borgo, seguire le indicazione per la Grotta Sant’Angelo

Da Pescara: prendere l’autostrada Adriatica a 14 ed uscire al casello Teramo/Giulianova/Mosciano Sant’Angelo. Proseguire sulla  SS 80, la Strada Statale del Gran Sasso, con direzione Teramo. Imboccare, poi, la SS 81 in direzione di Civitella del Tronto. Proseguire in direzione di Ripe di Civitella e, una volta arrivati nei pressi del piccolo borgo, seguire le indicazione per la Grotta Sant’Angelo

2 commenti su “Grotta Sant’Angelo

Lascia un Commento


*

  1. Salve Luca, per iniziare le faccio i complimenti per l’articolo, è ricco di informazioni e di immagini ed è di piacevole lettura. Vorrei porle una domanda, alla quale spero, avrà una risposta: Nell’articolo accenna ai resti umani di una donna: Li ha visti di persona? Nello specifico, il mio interesse è recuperare informazioni relative a questo articolo: “http://www.valvibratalife.com/2013/04/la-grotta-santangelo-di-civitella-del-tronto/”. In rete ho trovato un’infinità di copia incolla, ma nulla di più esaustivo. Un ritrovamento del genere, se pur datato, meriterebbe un pò di riflettori a mio avviso… eppure nulla. Confido in un suo contatto. Grazie infinite e buona scrittura.

    • Salve Argo, grazie per i complimenti, non sò se siano meritati ma davvero ce la stiamo mettendo tutta. Non credo, purtroppo, di poterla aiutare riguardo l’articolo di cui mi parlava nel commento, io mi sono recato alle Gole del Salinello per fare foto e per raccogliere informazioni un pò più dettagliate, ma, come ho già scritto nell’articolo, sò soltanto che gran parte dei reperti rinvenuti sono stati portati al museo Archeologico di Teramo. Probabilmente potrebbe provare a chiamare proprio il museo per vedere se, magari, i resti umani possano essere stati portati lì.

      Spero riesca ad ottenere maggiori informazioni riguardo la sua ricerca,

      buona giornata e grazie ancora

       

      Luca