ImmagineProverbi Abruzzesi        Nel corso degli anni, dei secoli, dei millenni, la cultura popolare prende forma e muta, ma l'istinto di soppravvivenza del popolo è forte. Così nascono i proverbi, i detti popolari, pochi vocaboli per racchiudere avvertimenti, consigli, stereotipi e pregiudizi. Un insieme di frasi nelle quali si percepisce da dove veniamo, chi eravamo, parlano delle nostre radici, mettono in guardia, consigliano cosa fare in momenti delicati.

        Vi proponiamo tutti i proverbi abruzzesi che siamo riusciti a rintracciare nel web e nei libri. Buona lettura.

Indice

        A  B  C  D  E  F  G  H  I  J  L  M  N  O  P  Q  R S  T  U  V  Z          

  • A àsene vecchie, 'mmàste nòve. (Ad asino vecchio, sella nuova.)
  • Abb coj, viastim nn coj. (Se ti meravigli di qualcosa, ti accadrà, se la disprezzerai, non ti accadrà.)
  • A lu mare va l'acque e li piscule s'arsuche. (L'acqua va al mare e le pozzanghere si asciugano.)
  • A la casa vecchie le surge n' mmànghe. (Nella casa vecchia non mancano i topi.)
  • A chelu vestite n'n g' è ffuse d'appènne. (Ha una condotta irreprensibile.)
  • A chi aspette, n’ore ije ne pare sétte. (A chi aspetta, un'ora sembrano sette.)
  • A chi dà, e a chi prumètte.
  • A quand'à 'cciaccàte nu mèse. (È appena nato da un mese.)
  • A quande s'è refijjàte.
  • Addò ce spute, ce crehe 'na fundàne. (Dove sputa si crea una fontana.)
  • Addò èsce n'n arehèndre. (Da dove esce, non rientra.)
  • Addò tè l'ùocchie, tè le màne. (Dove ha gli occhi, ha le mani. È un bravo ladro oppure è un curioso.)
  • Aépre l'uòcchje e spanne ca ni je callere di réme ca zi càgne. (Apri gli occhi e guarda bene, perché non si può cambiare come un paiolo di rame; riferito al prendere moglie.)
  • A ffòc' a ffòche. (Casa per casa.)
  • A frubbàre arrèndre la patròn' a lu vade.
  • A la Canelòre le 'mmèrn' è ffòre. (Alla Candelora l'inverno è fuori.)
  • A l'Ascènze, lu gràne se pàrte da la tèrre. (All'Ascensione il grano se ne va dalla terra.)
  • A la fjìere de Senehàjje, chi ha fàtt' à fatte.
  • A la fest, lu cafon s'arvest. (Alla festa, il cafone si veste bene.)
  • A la prim' àcque d'Ahòste, lu ricch' e lu pòvere s'arechenòsce. (Alla prima acqua d'agosto, il ricco ed il povero si riconoscono. Il ricco ha di che cambiarsi d'abito, mentre il povero continua a vestire allo stesso modo.)
  • A la Signêre che magnêije li pullastrelle ije venne vulèije de li pera cotte. (Alla signora che mangiava i pollastrelli venne voglia delle pere cotte.)
  • A lavà la cocce all'asin 'c sà 'rmette tempe e sapone. (A lavare la testa all'asino si spreca tempo e sapone.)
  • A la fir' vacc' prim', a la mess' vacc' tard'. (Alla fiera vacci prima, alla messa vacci tardi.)
  • A lu mercàte vàcce, e a la fiere stàcce. (Al mercato vai, alla fiera resta.)
  • A lu vjiecchie trè ccòse crèsce, e ttrè ccose mànghe: crèsce le pennazz', e mmanghe la viste: crèsce la vulundà, e mmanghe le forze: crèsce le testemùoneje, e mmanghe lu nutare.
  • A Natal n'ghe lu sol, a Pasque n'ghe lu tizzon. (A Natale con il sole, a Pasqua con il fuoco acceso.)
  • A ògne ttèrre c'è na usanze; a ògne mmijicule c'è na pànze. (Per ogni paese c'è un'usanza; per ogni ombelico una pancia. Paese che vai, usanza che trovi.)
  • A ògne tètte ce sta lu pènge ròtte. (Su ogni tetto c'è una tegola rotta.)
  • A paijàra vicchie 'nge manghe maije li sorge. (Nel vecchio pagliaio non mancano mai i topi.)
  • Appleche e fa sapêne. (Mettiti all’opera e otterrai il risultato.)
  • A Sànde Martìne, la nèv' a lu spine.
  • A Sante vicchije ‘nze appicce ‘cchiù cannèle. (A Santo vecchio non si accendono più le candele.)
  • Attacche l’asene dova vò lu padrone. (Lega l’asino dove vuole il padrone.)
  • A ttèmbe de serpe, le luscèrte fa paure. (Quando escono i serpenti, anche la lucertola fa paura.)
  • A un' a une se fa le fus a Ppretòre.
  • Abbrìle càcce la vjiecchie da lu cenerìle.
  • Abbrìle, lu càlle sòtt' a lu terrine.
  • Acqu' e mmòrte sta 'rret a la pòrte. (Acqua e morte sta dietro la porta.)
  • Acqu' e ffoche nen dròve lòche.
  • Addò c'è gguste, nen g'è pperdènze.
  • Addò n'n g'è àrbere, nen g'è l'ambrì.
  • Addò se fa le lène c-i-arrèste sèmbre le schiàppe. (Dove si spacca la legna restano sempre le schegge.)
  • Addò se stucche la tòrt arrèste lu fàsce.
  • Aldàre sèrvere, aldàre vìvere.
  • All'ùteme s'arecònde le pècure. (Alla fine si contano le pecore.)
  • Appòche appòche se fèce Rome. (Pian piano fu fatta Roma.)
  • Arbere che sta 'ndèrr, accètt' accètte.
  • Arefònne la parature. (Fare un apparecchio inutile.)
  • Avìsse tànde vùove ciùoppe! (Meglio avere che non avere.)
  • Avoje a ciufulià se ll'asine nin vvò' 'bbeve! (E' inutile fischiare se l'asino non vuole bere. È inutile tentare di convicere gli stolti.)
  • Arcal da ssa piant di cic! (E' inutile vaneggiarsi.)

 (torna all'indice)

  • Bardisce, hommene e murte ha sembre turte. (Bambini, uomini e morti hanno sempre torto.)
  • Bbesògna fatijà pe' no' mmorì màje; e bbesògna penza ca se mòre cràje. (Bisogna lavorare come se non si dovesse morire mai e bisogna pensare come se si dovesse morire domani.)

 

(torna all'indice)

  • C'è nu càmbe sumenàte, e nu metetòre che ssèmbre mète. (C'è un campo seminato, e un mietitore che miete sempre.)
  • C'è ùomene, uomenìll e umenùne: fèmmene femmenéll e ffemmenùne. (Ci son uomini e uomini e ci son donne e donne.)
  • Cajòl' apert' aucèlle mòrte. (Gabbia aperta uccellino morto.)
  • Càne ch'abbàje né mmòcceche. (Can che abbaia non morde.)
  • Canécchia scanecchiàte nen z'arganécchie cchiù.
  • Capille rusce, 'nnénde te mùore che nne' le chenusce. (Capelli rossi, fai prima a morire che a conoscerli.)
  • Capp' e spèse nen fa pèse.
  • Carr' e schiuppètt', a cchi nen dè' judìzije je le mètte.
  • Casa fure, e ccas' arrènne, bbàste che n'n ge sta màne che se stènne.
  • Casa chiuse ne' mmène huèrre. (Nella casa chiusa non arriva la guerra.)
  • Casa quande còpre, tèrra quande scopre.
  • Casa strètta, fèmmen' adattòsa.
  • Case nghe ddu' pòrte, lu dijàvele se le pòrte.
  • Cattiv' òme e ccattive tèmbe, pòche dure. (Uomo cattivo e cattivo tempo, poco durano.)
  • Cattive lu dènde quande nasce; cchiù ccattive quande se nn'esce. (Cattivo il dente quando spunta, più cattivo quando cade.)
  • Cazzarelle pe na magnate va a Cupelle.
  • Cchiù t’abbisse e ‘cchiù lu cule te se scopre. (Più ti abbassi e più ti si scopre il sedere.)
  • Cent niènd a ccis n'àsin. (Cento "niente" hanno ucciso un asino.)
  • Ce vède cchiù cquattr' ùocchie che ddu'. (Vedono di più quattro occhi che due.)
  • Che vàl nu vaccìle d'òre se ddèndre c-ì-à da sputà sanghe? (Cosa vale una bacinella d'oro se dentro ci devi sputare sangue?)
  • Che cè cont la hatt se la padron è matt? (Che colpa ha il gatto se la padrona è matta?)
  • Chi àle, poche vale. (Chi sbadiglia, vale poco.)
  • Chi amecìzija vo' tené', spurtèlla va e spurtèlla vè'.
  • Chi aspétte, ‘Ddije l’assétte. (Chi aspetta, Dio lo fa sedere.)
  • Chi a ttèmbe se pruvèd a òra màgne. (Chi provvede alle cose a tempo, di sicuro mangia.)
  • Chi bbèn' attàcche, bbèn asciòjje. (Chi fa buoni nodi, sa sciogliere bene.)
  • Chi cac' sott' a la nev' prest' si svel. (Chi fa la cacca sotto la neve, prima o poi viene scoperto.)
  • Chi camìne lècch', e cchi se sta se sècche.
  • Chi càreche e scàreche nen perde maije témbe. (Chi carica e scarica non perde mai tempo.)
  • Chi dùbbete nem berìsce. (Chi dubita non muore.)
  • Chi è stàte muccecàte da la sèrpe te paùre de la luscèrte. (Chi è stato morso dal serpente, ha paura della lucertola.)
  • Chi gire de notte và ‘nghondre a la morte. (Chi va in giro di notte va incontro alla morte.)
  • Chi fa, pè èesse fa. (Chi fa, fa per sè.)
  • Chi fàlz aggìsce, falze mòre. (Chi si comporta male, muore male.)
  • Chi ha fàtte lu munne, l'à sapùte fà. (Chi ha fatto il mondo l'ha saputo fare.)
  • Chi ha lu cattive vecine, ha la cattive matine. (Chi ha il cattivo vicino, ha il cattivo mattino.)
  • Chi ha ‘mmassate o cche smasse, cà se n’ha calate lu cile de lu forne.
  • Chi ha pìte, ha huàje.
  • Chi guvèrne la pròpia cavàlla, nen ze chiàme mozze de stàlle. (Chi governa la propria cavalla, non si chiama mozzo di stalla.)
  • Chi ijoche a lu lotte e spére de vence, lasse li stracce e pije li cènce. (Chi gioca al lotto sperando di vincere, lascia gli stracci e prende i cenci.)
  • Chi l’arte nen vò ‘mbarà, sberre o frate se ha da fa. (Chi non vuole imparare un mestiere, deve fare lo sbirro o il frate.)
  • Chi làsse la vìja vjìecchie pè la nòve, sa quèlle che llasse, ma nen za quelle che ttròve. (Chi lascia la strada vecchia per quella nuova, sa quello che lascia, ma non sa quello che trova.)
  • Chi làsse pàn e ccàpp a ògne gguàje 'ngàppe.
  • Chi macìne se 'nfarine. (Chi macina si sporca di farina.)
  • Chi magne prime, magne ‘ddu vodde. (Chi prima mangia, mangia due volte.)
  • Chi 'mbrèste né jjene rèste. (A colui che presta, niente gli resta.)
  • Chi meju non tè, colla moje s'addorme. (Chi non ha di meglio, dorme con la prorpia moglie.)
  • Chi mandrìcch-i-attàcche, mandrìcch-i-asciòjje. (Chi non dona non riceve.)
  • Chi n'apprezz nu sold, ni vale nu sold. (Chi non apprezza un soldo, non vale un soldo.)
  • Chi nàsce bbèlle, nen è n'dutte puverèlle. (Chi nasce bello, non è del tutto povero.)
  • Chi nàsce tonn né more quadre. (Chi nasce tondo non muore quadrato.)
  • Chi negozie cambe, chi fatèije crépe. (Chi negozia vive, chi lavora crepa.)
  • Chi nem bò vàtte sàcche, vatte sacchètte. (Chi non può prendersela con i grandi se la prende con i piccoli.)
  • Chi nen à àutr'a cche ppenzà, se mètte la hàtt a ppettenà. (Chi non ha nulla da fare, si mette a pettinare la gatta.)
  • Chi pe' mmàdre ne' vva, Ddì' nen za pregà'.
  • Chi pècure se fa, lu lupe se la màgne. (Chi si fa pecora viene mangiato dal lupo.)
  • Chi pija la moje sta cuntentu 'nu jorn, chi ccide lu porc sta cuntend n'ann. (Chi prende la moglie è contento un giorno, chi uccide il maiale è felice per un anno.)
  • Chi pò, fà a zumpètte, chije no, se sta zètte. (Chi può fa i salti, chi non può sta zitto.)
  • Chi pò la sàlm e cchi la mèzza sàlme.
  • Chi prime 'ndènde, prime sparènde.
  • Chi sa fa fòche, sa fà case. (Chi sa fare il fuoco, sa fare le case.)
  • Chi sdèbbete fa capetàle. (Chi si toglie i debiti, si ritrova un capitale.)
  • Chi sèrv a la còrte, mòr a la paijàre. (Chi serve alla corte, muore nel pagliaio.)
  • Chi se vùsceche, nen z annéghe. (Chi si muove, non annega.)
  • Chi se vregugnò dijunò. (Chi si vergognò, digiunò.)
  • Chi spare ‘nne attacche, spare ‘nne ascioije.  (Chi non sa fare un nodo, nodi non sa sciogliere.)
  • Chi sumènd' e nnen custòde, trìbbul' e nnen gòde. (Chi semina e non custodisce, lavora ma non gode.)
  • Chi tànde ne fa, une n'aspètte. (Chi la fa l'aspetti.)
  • Chi te bbattezze te è cumbare. (Chi ti battezza, è il tuo compare.)
  • Chi té li quatrine fabbreche, chije nne té desegne. (Chi ha i soldi fabbrica, chi non li ha disegna.)
  • Chi tròppe la tire, la stucche. (Chi tira troppo la corda, la spezza.)
  • Chi tè la còde de pàjje se l'abbrùsce. (Chi ha la coda di paglia se la brucia.)
  • Chi té lu célle ‘mmane e ‘nze le spiume ‘nge se aretrove ‘cchiù ‘nghe ‘lla furtune. (Chi tiene l'uccello in mano e non lo spiuma, non si ritrova più con quella fortuna.)
  • Chi te lu pan e chi te li dient. (Chi ha il pane e chi ha i denti.)
  • Chi va 'ccavàlle, s'ammìte trè vòte; e cchi va 'ppède, 'na vòte. (Chi va a cavallo, si invita tre volte, mentre chi va a piedi solo una volta.)
  • Chi va 'nnjende me làss', e cchi va 'rrète me pàsse. (Chi va avanti mi lascia, chi viene da dietro mi sorpassa.)
  • Chi vo' Criste se le prèhe. (Chi vuole Cristo lo preghi. Per ottenere qualsiasi cosa bisogna fare sacrifici.)
  • Chiù t'abbassi e chiù culu te se vede. (Più ti abbassi e più ti si vede il culo.)
  • Chiùnghe te battèzz', è San Giuànne. (Chiunque ti battezzi é San Giovanni.)
  • Chi vò la casa nett, gent d'addr n'en ce ne mett. (Chi vuole la casa pulita non invita nessuno.)
  • Chi vo le panett gruss se li fa ess.
  • Chi va pe frecà, ariman frecat! (Chi cerca di fregare, rimane fregato!)
  • Come lu tecchie esce la schiapp. (Tale padre, tale figlio.)
  • Coma te prepìre lu ijacce te ce aijacce. (Come ti prepari il letto ti ci sdrai.)
  • Còsa vedut', è pperdùte. (Ogni cosa vista è perduta.)
  • Cundènde Ròcc, cundènde tutte la Ròcc. (Se è contento Rocco, è contenta tutta la Rocca.)
  • Cunzìje de hulpe, destruzzijòne de hallìne. (Consiglio di volpi, strage di galline.)
  • Cuscijenze e quatrène ‘nze sa chije le té. (Coscienza e quattrini non si conosce chi li possiede.)


 (torna all'indice)

  • Da cattive debbetòre, pìjje la pàjje.
  • Da chi nen dè' mòije nné ffìje, nen gercà' né pparère né ccunzìje. (A chi non ha moglie e figli, non chiedere né pareri né consigli.
  • Daje, daje e daje, la cipolle divende aje. (Dagli, dagli e dagli, la cipolla diventa aglio.)
  • Da la cocce vé la tègne, da lu péte vé la magagne. (Dalla testa viene la tigna, dal piede viene il malanno.)
  • Da la matìne se cunòsce lu bbònggìòrne. (Il buongiorno si vede dal mattino.)
  • Ddìje ci'à fàtt e Ddije ce pènze. (Dio ci ha fatti e Dio ci pensa.)
  • Ddendre' a la case nen ze fa màje scure. (Nella casa non si fa mai scuro.)
  • Ddù, trè e trènde, fa la bbona tènde.
  • Domeneddì' nen ge sta pe' vvàtte le nuce.
  • Domeneddì' vàtte nge la màzze de vammàce.
  • Dòpe ca successe lu guàije, la case s’arembièsce de cunsèije. (Dopo il guaio, la casa si riempie di consigli.)
  • Dòpe cummesse l'errore, ogni ciuch divend duttore. (Dopo commesso l'errore, ogni asino diventa dottore.)
  • Dòpe le trè jjelène, u acqu' u vènd' u nève.
  • Dòpe li cumbitte hésce li defitte. (Dopo i confetti escono i difetti.)
  • Dòpe lu fàtt', ognun' è ddòtte. (Dopo il fatto ognuno e' dotto.)
  • Dova nen passe lu fredde, nen passe manghe lu calle. (Dove non passa il freddo, non passa neanche il caldo.)
  • Dova se magne ‘Ddije ce accumbagne. (Dove si mangia, Dio ci accompagna.)
  • Dova sta tande ghelle ‘nze fà maije ijurne. (Dove stanno tanti galli non si fa mai giorno.)


 

 (torna all'indice)

  • E cchè la jiànn' (oppure la cerque) le pò mette li pere? (Ma la quercia può produrre pere?)
  • È ‘cchiù la spese che la ‘mbrese. (È più la spesa che l'impresa.)
  • È cchiù lu danne che l'inderèsse. (È più il danno che l'interesse.)
  • È ccòme la castàgne: bbèlle da for' e ddadendre tè la mahagne. (È come la castagna: bella di fuori, ma dentro ha la magagna.)
  • È ccòme la hàtte de Tumassìne: la sèr è mmòrt e la matine è vive. (È come la gatta di Tommasina: la sera è morta e la mattina è viva.)
  • È inutile che sgroll, tande l'utima gocce se l'arsuche la mutanne. (Per migliorare una cosa, è inutile indugiare oltre il necessario.)
  • È pprime lu dènde che lu parènde.
  • È trèste chije nen té ninde, ma è ‘cchijù trèste chije nen té nisciune. (È triste chi non ha niente, ma è più triste chi non ha nessuno.)


(torna all'indice)

  • Fa bbèn, e scùordetene; fa mal' e ppenzece. (Fai del bene e dimenticalo; fai del male e pensaci su.)
  • Faccjie hìjnnere faccjie nore, ma l’asene vicchjie porte la some. (Faccio generi faccio nuore, ma l'asino vecchio porta il carico.)
  • Fa cciò che prevete dicije, no cciò che prevete fa. (Fai quello che dice prete, non quello che il prete fa.)
  • Fa cchiù mmeràcule 'na bbòtte di vine, che 'na cchjìese de sànde. (Fa più miracoli una botte di vino, che una chiesa di Santi.)
  • Fa cchiù mmeràcule 'na stàlle de letàme, che 'na cchjìese de Sànde. (Fa più miracoli una stalla di letame, che una chiesa di Santi.)
  • Femmene e pere mature casche 'nderre senze tirture. (Donne e pere mature cadono a terra senza bastone.)
  • Fìjj' arruffàte, è mmèzz allevàte.
  • Fìjj' piccul' uajie piccul', fijj' grusc' uajie grusc', fijj' spusat' uajie ardduppicat. (Figli piccoli, guai piccoli; figli grandi, guai grandi, figli sposati guai raddoppiati.)
  • Fìjj' de gatt', sorge acchiappe. (I cuccioli di gatto prendono i topi. Tale padre, tale figlio.)
  • Fiocche nen fa gonne, tutte aiute a ijegne. (Un fiocco non fa la gonna, ma tutto aiuta decorarla.)
  • Frèije lu pésce e guarde la hatte. (Friggi il pesce e guarda il gatto.)


 (torna all'indice)

  • Genta trèste, ‘nnumenate e vèste. (Le persone cattive appaiono appena vengono nominate.)
  • Gràn' allutàte, gran' allumàte. (É meglio seminare a tempo umido.)
  • Guaije ‘nghe la pale, morte nen vinghe maije.


(torna all'indice)

  • Ha ijète a cercà grazie e ha truvate ijustèzie. (E’ andato a cercare grazia e ha trovato giustizia.)
  • Hatta furiose fa li fij cicate. (La gatta frettolosa fa i figli cechi. Non fare le cose in fretta.)


 (torna all'indice)

  • Ije te dèce harre e tu t’aggicce. (Io ti dico di andare avanti e tu ti sdrai.)
  • Ijétte la préte e annaschonne la mane. (Getta la pietra e nasconde la mano.)


 (torna all'indice)

  • Jìener' e nnepute, quànda cchiù ffìe tutt' è pperdute. (Generi e nipoti, quanto più fai è tutto perso.)
  • Ju piru maturu casca senza turturu. (La pera matura cade senza bastone.)
  • Jùorne de cucùle, cènde piòv' e un' assuche.


(torna all'indice)

  • L'avàre e lu fallìte s'accòrde prèste. (L'avaro ed il fallito si accordano presto.)
  • L'acque scàve le fosse, e lu vine fa candà. (L'acqua scava i fossi, il vino fa cantare.)
  • L'acque a le mure e lu vin a le murature. (L'acqua ai muri ed il vino ai muratori.)
  • L’acque che ‘nne ha piovete ‘n cile sta. (L’acqua che non è piovuta sta ancora in cielo.)
  • L'acque fa nètt' e vvrètte. (L'acqua pulisce e sporca.)
  • La lena storte l'ardirizze lu foche. (La legna storta viene addrizzata dal fuoco.)
  • L'amiche è l'amiche, ma la fic e la fic.
  • L'arte de Maria Cazzette, ch'accatte a hotte e arevènne a sette. (L'arte di Maria Cazzetta che compra a otto e rivende a sette. Fare qualcosa per rimetterci, invece di guadagnarci.)
  • L'àrte de tàte è mmèzze 'mbarate. (Il mestiere del padre è per metà imparato.)
  • L'àrte s'ammàle, ma ne' mmòre. (L'arte s'ammala ma non muore.)
  • L’hìsene lèteche e li varile se sfasce. (Gli asini litigano ed i barili si rompono.)
  • L'hòmmene sta sòtt a lu cappèlle. (L'uomo sta sotto il cappello.)
  • L'hòmmene è hòmmene pe' la fàcce.
  • L'hòmmene è ape e la dònne è ccelle. (L'uomo è ape e la donna è cella. L'uomo fa e la donna conserva.)
  • L'hòmmene adà puzzà e la femmene à dà puzza dell'ommn sò. (L'uomo deve puzzare e la donna deve puzzare del suo uomo.)
  • L’hòmmene veziose de tabbacche, va a l’imberne e se porte la pèppe. (L’uomo vizioso di tabacco, va all’inferno e si porta la pipa.)
  • L’hosse vicchije accènge la pignate. (L’osso vecchio condisce la pentola.)
  • L’ucchije de lu padrone ‘ngrasse lu cavalle. (L’occhio del padrone ingrassa il cavallo.)
  • L'urse fa l'ursitte. (L'orso fa l'orsetto. Tale padre tale figlio)
  • L' hommene nen ze mesure a ccànne. (Gli uomini non si misurano con l'altezza.)
  • L'ùuomene s'attàcche a la paròle, e le vùove a le còrne. (L'uomo si prende per la parola ed il bue per le corna.)
  • La bellêzze fine a la porte, la bundà fine a la morte. (La bellezza fino alla porta, la bontà fino alla morte.)
  • La cambàgna cambe. (La campagna sostenta.)
  • La càrna dòl a cchi se tàije. (La carne duole a chi si taglia.)
  • La càrne fa càrne, lu pane fa sanghe, e lu vine mandè. (La carne fa carne, il pane fa sangue e il vino da la forza.)
  • La cere se consume e la processione nen cammine. (La cera si consuma e la processione non cammina. Fare tante discussioni senza concludere nulla.)
  • La cerque che pò fa? la jianne! (La quercia, che cosa puo' fare? La ghianda.)
  • La dònne che nnàsce bbèlle de nature, quànde cchiù sciòlda va cchiù bbèlla pàre. (La donna bella di natura, più si veste semplicemente e più è bella.)
  • La dònne nen à da purtà', ma ha da valè' nu cènde ducate.
  • La fàf' è la spìje de l'annàte.
  • La fafe èsce 'ngòndr' a la mmalannàte.
  • La fèmmene è ccòme la hàtte: tè' sètte spirde. (La donna e' come il gatto: ha sette spiriti.)
  • La fèmmene prène, sòtt' a lu manòppre se jèle. (La donna gravida, si gela anche in tempo di mietitura.)
  • La fìjj' è lu còre de la màmm, e lu crepacòre de lu pàtre. (La figlia è il cuore della mamma ed il crepacuore del padre.)
  • La galline fà l’ove e lu galle strèlle. (La gallina fa l’uovo e il gallo strilla.)
  • La ggènde fa l'argènde.
  • La ggiuvendù a ccavàll', e la vecchièzz' a ppède. (La gioventù a cavallo e la vecchiaia a piedi.)
  • La hanghe manténne la cianghe. (La anche sostengono la gamba.)
  • La hatt de la dispens, quell ca fa sa penz!
  • La hòle mann' a la malòre.
  • La ijérva cattive nen more maije. (L’erba cattiva non muore mai.)
  • La majìese de Jennàre n'ne' le fa ògne vvellàne.
  • La nèbbre de la matine èmbre lu cutine.
  • La nèbbre de la sère bbòn tèmbe mène.
  • La nòtte va nghe la mòrte.
  • La precessiòne arrèndre d'addò' èesce. (La processione rientra da dove esce.)
  • La Pruvedènze chiude 'na finéstre e aàpre nu bbalecòne. (La provvidenza chiude una finestra, ma apre un balcone.)
  • La quartane nen ghiame mèdeche, ne prijevete, né ccambàne. (La febbre non chiama medico, né prete né campane.)
  • La raije de la matine aremèttele pè la sêre e la raije de la sere arepénnele pè la matine. (La rabbia del mattino rimettila per la sera e la rabbia della sera riponila per la mattina.)
  • La reggìne avè bbesògne de la vecìne. (La regina aveva bisogno della vicina.)
  • La rota hende ‘nnè strèlle. (La ruota oliata non cigola.)
  • La rròbbe de ll'avaròne se le màgne lu sciambagnòne. (Le cose dell’avaro la sperpera il prodigo.)
  • La ‘rrobbe de lu ‘rriffe e ‘rraffe se ne va ‘nghe lu ‘zziffe e ‘zzaffe. (Il frutto dell’intrallazzo se ne va con lo spreco.)
  • La rruvìne ne' vvo' sparàgne. (La rovina non vuole risparmio.)
  • La salma scì, ma no lla sopressàlme.
  • La scròfa màcre se sònne la jjànne.
  • La sòcere fu dde zocchere, e nen fu bbòne. (La suocera fu di zucchero e non fu buona.)
  • La sòrte è ccòma une se le fa. (La fortuna è quella che uno si fa.)
  • La supérbije ijò a cavalle e arevènne a ‘ppéte. (La superbia andò a cavallo e tornò a piedi.)
  • La troppa cumbedénze fa perde la criànze. (La troppa confidenza fa perdere la creanza.)
  • La vòcche è llarij' e strètte; se màgne la case nghe tutte lu tette. (La bocca è larga e stretta si mangia la casa con tutto il tetto.)
  • Latte e vvine fa bbenìne. (Latte e vino fanno benino.)
  • Lu càne mòcceche sembre le stracciàte. (Il cane morde sempre allo stracciato.)
  • Le chiacchiere fa le pedùocchie. (Le chiacchiere fanno i pidocchi.)
  • Le chiacchiere se le porte lu vende, li maccarùne abbottene la panze. (Le chiacchiere se le porta il vento, i maccheroni riempiono la pancia.)
  • Le chiàcchiere stànn' a nnjìende. (Le chiacchiere non servono a niente.)
  • Le lène stùorte se schiàppe.
  • Le cose allacrimate lu diavule si la purtate.
  • Le nepute, pute.
  • Le pazzije de li chin fenesce a cazz'ngule.
  • Le pùorce tè le hàmme curte, e ddà le cauc-i-allunghe.
  • Le ràdeche de le live à da sendì lu sòne de le cambàne. (Le radici della vite devono sentire il suono delle campane, cioè la vite deve essere piantata non molto in profondità.)
  • Li cucce rotte và simbre ‘n gire pè la case. (I cocci rotti vanno sempre in giro per la casa.)
  • Li guaije de la pignate le sà la cucchiare. (I guai della pentola li conosce il mestolo.)
  • Li scarpe jè 'gné li parinde: cchiù è stritte, cchiù fà dulè. (Le scarpe sono come i parenti, più sono strette, più fanno male.)
  • Lu bbommercàte mèrche.
  • Lu cacciune arippicciliato'ur' porte sembre  la pella sgarbiiète. (Il cane litigioso porta sempre la pelliccia insangiunata.)
  • Lu cattìve 'ndròppeche a nu lèppe de pàjje. (Il cattivo inciampa su un filo di paglia.)
  • Lu ‘cchiù pulète té la rogne. (Il più pulito ha la rogna.)
  • Lu cotte sopra lu vullète. (Il cotto sul bollito.)
  • Lu dèbbete màgne la nòtte.
  • Lu desperàte nen à paùre de la desperaziòne. (Il disperato non ha paura della disperazione.)
  • Lu diavele fa li pignate e li femmene fa li cupirchjie. (Il diavolo fa le pentole e le femmine fanno i coperchi.)
  • Lu fijj d'lu scarpare va nghe li scarpe rotte. (Il figlio dello scarparo va con le scarpe rotte.)
  • Lu fume va a le bbèlle. (Il fumo va ai belli.)
  • Lu lètte è rròse: chi nen ge dòrme, ci'arepòse. (Il letto è rosa: chi non ci dorme ci si riposa.)
  • Lu mediche pietose fèce l'ammalate virminose. (Il medico pietoso fa l'ammalato verminoso.)
  • Lu mule se sònne trè vvòte la nòtte d'accide' lu patròne, e ll'àsene de derrepàrle.
  • Lu monice abbruhugneuse porte sembre la visacce uidde.
  • Lu munn' è bbèlle, pecchè so' bbàrije le cervèlle.
  • Lu piantagrane ijétte la préte e annaschonne la mane. (Il piantagrane getta la pietra e nasconde la mano.)
  • Lu prim' ànn' accasàte, o mmalàte o carciaràte.
  • Lu prisintuse ha partite accavalle e arvinut a piti. (Il presuntuoso è partito con il cavallo ed è ritornato a piedi.)
  • Lu rècche fa ‘gnà vò, lu puverélle fa ‘gnà pò. (Il ricco fa come vuole, il povero fa come può.)
  • Lu sangue se lagne, ma ‘nze magne. (Il sangue si lagna, ma non si mangia.)
  • Lu sàzije nen grèd a lu dijùne. (Il sazio non crede al digiuno.)
  • Lu setàcce à da jì', e mmenì'. (Il setaccio deve andare e tornare.)
  • Lu setàcce va e revè. (Il setaccio va e viene.)
  • Lu sòcc-i-assòcce.
  • Lu sparagn' è lu prime huadàgne. (Il risparmio è il primo guadagno.)
  • Lu sparagne nen fa huadàgne. (Il risparmio non fa guadagno.)
  • Lu tròppe judìzije fa ji' m' brecepìzije. (Il troppo giudizio porta al precipizio.)
  • Lu vine ‘bbone se vênne senza frasche. (Il vino buono si vende senza frasche.)
  • Lu vine è lu latte de le vjiecchie. (Il vino è il latte dei vecchi.)
  • Lu vove desse curnute all’asene. (Il bue disse cornuto all’asino.)


(torna all'indice)

  • Màgnete ‘ssà menéstre o zùmpete ‘ssà fenéstre. (Mangiati quella minestra o salta quella finestra.)
  • Maije harzòne n'n à rrecchite patròne. (Mai garzone ha arricchito il padrone.)
  • Maije mazzate ha fatte bon cane. (Mai le botte hanno ben educato un cane.)
  • Maije raije d’asene saijò ‘n cile. (Mai raglio d’asino salì in cielo.)
  • Mantè quanne tè che quann vò mantené nun te chè. (Tieni quando hai, perché quando non possiedi nulla non hai niente.)
  • Màr' a cchela càs' addò' la sèrve s' addòne ca èss' è la patròne.
  • Màstr' a ùocchie, màstre fenùocchie.
  • Matremunie e vescuvate da lu cile è distenate. (I matrimoni ed i vescovati vengono decisi dal cielo.)
  • Màzze e ppanélle, fa lu fìjje bbèlle; panélle sènza màzze, fa lu fìjje pàzze.
  • 'Mbàre l' àrt, e mmìttel' da pàrte. (Impara l'arte e mettila da parte.)
  • Meije a magnà poche e stà vicène a lu foche. (Meglio mangiar poco e stare vicino al fuoco.)
  • Meije nu morte dendre a la case che nu Marchiggiane arréte a la porte. (Meglio un morto in casa che un Marchigiano fuori la porta.)
  • Meije li pinne ‘n curène che li pinne dendre la tène. (Meglio mettere i panni al vento che non dentro il mastello.)
  • Meije l’ove huije che la gallène dumane. (Meglio l’uovo oggi che la gallina domani.)
  • Meije 'nà scarambambul' che cend' sammalìcch. (É' meglio fare l'amore una volta ardentemente, che cento volte in maniera programmata.)
  • Mèije na 'ngundrature chi cènde poshte fàtte. (Meglio un incontro casuale che fare la posta cento volte.)
  • Mèije 'n àsene vive che nu duttòre mòrte. (Meglio un asino vivo che un dottore morto.)
  • Meije sole che male accumbagnate. (Meglio soli che in cattiva compagnia.)
  • Mercànd' e ppùorce, dòppe mòrte se pèse. (Mercanti e maiali, si pesano dopo essere morti.)
  • Me sò ijte a fà la Croce e me sò cacciate l’ucchije. (Sono andato a farmi il segno della Croce, ma mi sono cavato un occhio.)
  • Mète lu gràne che n'n angòre spiche; e cquèlle ch' à specàte làss' arrète.
  • Mète 'n dèrre, e spère 'n gjìele.
  • Mòije e feije, còma Ddìje te le dà, te le peije. (Moglie e figlie, come Dio te li dà, te li pigli.)
  • Mòije, marite e feije comma ‘Ddìje te le dà te le peije. (Moglie, marito e figli come Dio te li da te li pigli.)
  • Mònece vrevugnòse, arevà sènza tùozz' a lu cummènde. (I monaci vergognosi tornano al convento senza pane).
  • Morte ze Culérie n‘nze fa ‘cchiù pignate. (Morto zio Aurelio, non si fanno più pentole.)


(torna all'indice)

  • Na vodde corre lu lébbre e na vodde corre lu cacciatore. (Una volta corre la lepre e una volta il cacciatore.)
  • 'Ncarèscete ferre cà tinghe n’ache da vênne. (Oh ferro aumenta di prezzo, perchè ho un ago da vendere.)
  • 'Ncumbagnèije pijò la moije pure lu frate. (In compagnia prese la moglie anche il frate.)
  • Nen ba la pèlle de lu càne sènza quèlle de lu lòpe.
  • Nen de fedà' de chi nen ghenùsce; nen de fa' ngannà' da pànne russce. (Non ti fidare di chi non conosci; non farti ingannare dai panni rossi del potere)
  • Nen è mmale che ce cande li prèvete. (Non è un male su cui cantano i preti. Non è una cosa grave.)
  • Nen g'è bbène sènza pène. (Non c'è il bene senza le pene.)
  • Nen hésce nu spose sénza lète, nen hésce nu morte sénza rite. (Non esce uno sposo senza una lite, non esce un morto senza una risata.)
  • Nen z'à da cumbrà' la hàtt dèndr' a lu sàcche. (Non si deve acquistare un gatto dentro il sacco. (Non dire gatto se non ce l'hai nel sacco).
  • Nen ze nàsce 'mbarate.
  • Ne sà ‘cchié lu patète che lu sapéte. (Conosce più i problemi colui che li ha sofferti che non colui che li ha solo conosciuti.)
  • Nesciùna sècche fa carastìje, pure che dde Màgge nen zije.
  • N‘ghe cent'anne de speziarèije, ‘ndi ‘mbarate a légge manghe na ricétte. (Con cento anni di spezieria non hai imparato a leggere neanche una ricetta.)
  • N'ghe ggàll'u sènza hàlle, sèmbre jùorne se fa. (Con il gallo o senza gallo, sempre giorno si fa.)
  • N'ghe nu còlepe n'n ze tàjje l'àrbere. (Con un colpo non si taglia un albero.)
  • Nen de ne 'ndrectà', nen de ne 'mbiccià'; màle nen fa', paùre nen avè.
  • Nen fà coma lu funare che ‘mmèce de ijè anninze hardà arréte. (Non fare come il funaio che, invece di andare avanti torna indietro.)
  • Nen 'scì sènza 'mbrèlle.
  • Nu bbòn' autùnne cummàtte nghe 'na cattiva primavjìere. (Un buon autunno combatte con una cattiva primavera.)
  • Nu pare de rêcchie ‘bbùne sì quanta lêngue stracche. (Un paio di orecchie buone sai quante lingue stanca.)
  • Nu pàtre càmbe cènde fìjje, e ccènde fìjje nen gàmbe nu pàtre. (Un padre può campare cento figlie, ma cento figlie non riescono a campare un padre.)
  • Nud' è lu pèsce, nude chi le pìjje, nude chi le vènne, vestùte chi le màgne. (Nudo e' il pesce, nudo e' chi lo prende, nudo e' chi lo vende, vestito e' chi lo mangia.)
  • 'Nze pò avé la scarpa hênte e la ‘ssêgna sane. (Non si può avere la scarpa unta e la strutto, la sugna, intero.)
  • 'Nze pò tenê lu varile piene e la moije ‘mbrijìche. (Non si può avere il barile pieno e la moglie ubriaca.)


(torna all'indice)

  • O cotte o crude lu foche l’ha vedute.
  • Ogn'arte vò l'artèfece. (Ogni arte ha il suo l'artefice. Ognuno faccia solo quello che sa fare.)
  • Ogne llassàt è pperdùte. (Ogni occasione lasciata è persa.)
  • Ogne llègne fa fume. (Ogni legna fa fumo.)
  • Ogne ira pàss', e ògne pièma spième.
  • Ogne pèlle tè' la fiangarècce.
  • Ogne ppringìpij è ddure. (Ogni inizio e' duro.)
  • Ogne ppicca jòve.
  • Ogni mal' pal' mandè la fratta sò. (Anche i paletti rotti reggono la propria siepe.)
  • Ognune lo sè, e le pecore aju lupe. (Ognuno pensa alle cose sue, e le pecore se le mangia il lupo.)
  • Ognune sà hèsse, ‘Ddèije sà tòtte. (Ognuno conosce le proprie cose, Dio sa tutto.)
  • Om' a ccavàlle, seppletùr' apèrte.
  • Om' avvesàte è mmèzze salvàte. (Uomo avvisato mezzo salvato.)
  • Ome bbràve vita bbrève. (Uomo bravo, vita breve.)
  • Ome desfàtte, huèrr' aspètte. (L’uomo disfatto aspetta la guerra.)
  • Ome de vine, cènd' a cquatrìne.
  • Omene scàjizz' e ggràne fòjidde, n'n à fàtte ma' bbèn' a lu mònne.


(torna all'indice)

  • Pàn' ammuffìte, 'n dèmbe d' appetìte.
  • Pancia pizzuta nen port cappell. (Se la pancia della donna in attesa è a punta, sarà femmina.)
  • Passe l’angele e dece ammén.
  • Pàstòre lènde, pe nen fà nu pàsse ne fa cènde. (Il pastore lento per non fare un passo ne fa cento.)
  • Paternùostre, letàm' e llavatìne, nen à fàtte mà dànne.
  • Pe' arcoje ciuccullitt e cannelicchie almene li piti ti la da bagnà. (Per ottenere qualcosa di buono almeno un po' di sacrificio lo devi fare.)
  • Peccate e ‘ddìbbete chije le fa le paghe. (Peccati e debiti chi li fa li paga.)
  • Peccàte vjìecchie, penetènza nòve. (Peccato vecchio, penitenza nuova.)
  • Pe' ffà la huèrre, ce vo' le suldàte. (Per far la guerra ci vogliono i soldati.)
  • Pe' ffà n'omme de' mar ce ne vo' diec' di mundagn’. (Per fare un uomo di mare ce ne vogliono dieci di montagna.)
  • Pe' ffà murì' 'na fèmmene, ce vo' sètte Madònn' e mmèzze. (Per far morire una donna ci vogliono sette Madonne e mezza.)
  • Pe' jì nghe'le femmene ce vo' l'ummene. (Per andare con le donne ci vogliono gli uomini.)
  • Pe' l'amòre de lu patròne s'arespètte lu càne. (Per amore del padrone rispetta il cane.)
  • Pe' lu campe mètta mètte, pe' la strate nècchia nècchie. (Nel campo cerca di prendere più che puoi, ma lungo la strada del ritorno ti accorgerai del peso.)
  • Pe' smòve nu mòrte, ce vo' quattre vive. (Per muovere un morto, servono quattro vivi.)
  • Pìete e llèngue va 'n Zardègne. (Piedi e lingua vanno in Sardegna, lontano.)
  • Pìete càll' e ttèsta frèdd. (Piedi caldi e testa fredda.)
  • Pij' la moj' 'nghè mezz pan, dop ti li lev 'ndutt. (Con mezzo pane prendi moglie, dopo te lo toglie tutto.)
  • Pòver' a cchela pècure, che nen bò la làne. (Povera quella pecora che non può fare la lana.)
  • Pover' a chije se more cà chije cambe se cunzòle. (Povero chi muore perchè chi vive si consola.)
  • Pover' ‘lla case dova ‘nge và nisciune. (Povera quella casa dove non va nessuno.)
  • Prjìeut' e ppulle nen ze vède ma' satulle. (Preti e polli non si vedono mai sazi.)
  • Prim' d' dì amic', magnat'c' nu pudegli' de' sale.
  • Puzz'ave' tante benedizioni, quant' vach' de' mazzocca ce voggli'n' p' fa' la polenta a gliù mar'. (Tu possa avere tante benedizioni quanti chicchi di mais servirebbero per fare la polenta in mare.)


(torna all'indice)

  • Quànde a' ar lu diton, allor sa 'rbott lu cafone.
  • Quànde è scàrze la cène, lu cascecavàlle pòrte la pène.
  • Quànde 'cchiù Mmàrche camìne, 'cchiù marchesciàne te 'ngùndre. (Quanto più cammini nelle Marche, quanti più marchigiani incontri.)
  • Quànde ‘cchiù pénne ‘cchiù rénne. (Quanto più pende tanto più rende.)
  • Quànde de core nen me vé, n’accedénte a chije me le fa fà. (Quando non mi viene dal cuore, un accidenti a chi me lo fa fare.)
  • Quànde la crape è cecat, si vede dall'uocchije. (Quando la capra è cieca si vede dagli occhi.)
  • Quànde la hatte ‘nne arrève a lu larde, dèce ca è ràngeche. (Quando il gatto non arriva al lardo dice che è rancido.)
  • Quànde la mundàgne se càle le vràche, vinne lu mandèll' e ccumbre le crape. (Quando la neve si scioglie in montagna, vendi il mantello e compra le capre.)
  • Quànde la mundàgne se mètte lu cappèlle, vinne le cràp' e ccumbre lu mandèlle. (Quando la montagna si copre di neve, vendi le capre e compra il mantello.)
  • Quànde la parènde l' à sapute, la vecin' à currute.
  • Quànde lu diavele te accarêzze, vò l’aneme. (Quando il diavolo ti accarezza vuole l’anima.)
  • Quànde lu porc' è satoll' arvodd'c la trocc.
  • Quànde ‘nge sta la gatte, li sorge abballene. (Quando non c’è il gatto, i topi ballano.)
  • Quànde se fa' li cose de notte, lu jorne se vede. (Quando si fanno le cose di notte, di giorno si vedono.)
  • Quànde sòne cambanòne, nen ze sènde cambanélle. (Quando suona il campanone non si sentono le campanelle.)
  • Quànde t'à' da 'mbrijacà', 'mbrijàchete de vine bbòne. (Quando devi ubriacarti, ubriacati di vino buono.)
  • Quande tì mandì, ca quande nen tì se mandé da hêsse. (Quando hai, mantieni, perchè quando non hai si mantiene da sè.)
  • Quànde va càre la panèlle, va vile la pèlle.
  • Quànde une te vo' arijalà' nu pòrche, curre sùbbete nghe la fune.
  • Quatrin' e cepp sicch, fa le cos alesct alesct. (Soldi e legna secca fanno le cose veloci.)
  • Quatrìn' e ppeccàte, chi le tè' le pò sapè. (Quattrini e peccati, chi li ha li può sapere.)
  • Quatrire e quatraraje magne, bbeve e fà dammaje. (Bambini con altri bambini mangiano, bevono e fanno danno.)
  • Quelle che nen và pè trame, và pè stêse. (Quello che non va per trama, va per stesa.)
  • Quelle che vèta vète, quelle che sinda sinde, se vu fà ’bbéne nè arecundà maije ninde. (Quello che vedi vedi, quello che senti senti, se vuoi far bene non raccontar mai niente.)


(torna all'indice)

  • Rròbba truvàte, n'n è rrubbàte. (Roba trovata non è rubata.)
  • Rròbba de stòle, scìussce ca vòle.


(torna all'indice)

  • Sagnarjiell' eppizze scime, mànne le cas' a ll'arruvine.
  • Sànde Magne ha nate prème de Crèste. (San Magno è nato prima di Cristo.)
  • Sànde Màrche àcqua spàrte.
  • Sànde Midije n'n à paure de lu terremòte.
  • Sbaja lu predd 'n cima all'addar… nen po' sbaija' nonne 'n cime a la pertecare?! (Sbaglia il prete sull'altare… non può sbagliare il nonno sull'aratro?!)
  • Scine ca scine, ma ca scine 'ntutt! (Non si può sempre dire di si.)
  • Sci'ccisa la zappa e chi te l'ha messa n'mane. (Mannaggia la zappa, e chi te l'ha data da usare. Non sei capace di fare nulla.)
  • Schirze de màne, schirze de vellàne. (Giochi con le mani, giochi da villani.)
  • Seconde lu suldate ije s’appénne la sciabbule. (Secondo il soldato gli si appende la sciabola.)
  • Sèmbre munn' è stàt, e ssèmbre munn' à da èsse'.
  • Se scì ddòlge, te sùchene; se scì amàre, te spùtene. (Se sei dolce ti succhiano, se sei amaro ti sputano.)
  • Se tutte li cille cuniscêsse lu 'rane, povere 'rane, povere 'rane. (Se tutti gli uccelli conoscessero il grano, povero grano, povero grano.)
  • Se tutte li cille cuniscêsse lu rane, ‘nze magnêsse ‘cchiù lu pane. (Se tutti gli uccelli conoscessero il grano, non si mangerebbe più il pane.)
  • Se vù cambà cunténte arechiudete déntre a nu cumménte. (Se vuoi vivere contento rinchiuditi dentro un convento.)
  • Se vù gabbà lu vicène, addurmete tarde la sêre e azzete préste a la matène. (Se vuoi ingannare il vicino addormentati tardi la sera e alzati presto la mattina.)
  • S'ì sementat spìn, p'cché vì girenn scaveze? (Se hai seminato spine, perché cammini scalzo? Chi la fa l'aspetti.)
  • Sò coma lu setacce, coma me fì t’arefacce. (Sono come il setaccio, come mi fai ti rifaccio.)
  • Sol a ucchje, neve a chinucchje. (Quando in inverno il sole presenta un alone intorno, è quasi certo che ci sarà una nevicata abbondante.)
  • Sòle d'Ahòst' e gghielàte de 'mmèrne. (Un Agosto caldo porta un inverno ghiacciato.)
  • Sol la cucchiaia sa li guai della pignate. (Solo il cucchiaio conosce i guai della pignatta.)
  • Sòpr' a lu mòrte se cànde l' affìcije.
  • Sòpr' de lu future nisciune ci à scritte.
  • Sotte a stu ‘mbrélle, ‘nge nêngue e ‘nge piove. (Sotto quest’ombrello non ci nevica e non ci piove.)
  • Sparagne e cumbaresce. (Risparmia e fa bella figura.)
  • Spàrte palàzze, duvènde candòne. (Dividi un palazzo e ti restano i mattoni.)
  • Stà bbòn Rocc, stà bbòn tutt la Ròcc. (Sta bene Rocco sta bene tutto il paese. Sta bene lui, stanno bene tutti.)


(torna all'indice)

  • T'é miss gli'anegl' aglù dit', t'è scord' chi t'allevat'. (Una volta sposati ci si dimentica di chi ci ha tirati su.)
  • Tànd è cchi tè', tand' è cchi scòrteche.
  • Tànd è ttrènde, tand' è ttrendune. (Tanto è trenta, tant'è trentuno.)
  • Tànd' ha fatte la capann e tande te la votte. (Tanto ha prodotto il vitigno, tanto contiene la botte.)
  • Tànd' che la paijàre bruscie ascallêmece li mane. (Visto che il pagliaio brucia, riscaldiamoci le mani.)
  • Tande puzze nu schife, e ttande n' àjje.
  • Ti freghe e ti port' a ppiccète. (Ti frega e ti porta per la mano.)
  • Tère a cchije vèdde e coije a cchije nen vèdde. (Tira a chi vede e colpisce chi non vede.)
  • Tre femmene e tre nucije non pozzono sta nascucije. (Tre donne e tre noci non possono rimanere nascoste. È nella natura delle donne parlare e fare rumore, quando sono insieme, come le noci che sbattono fra loro e fanno rumore.)
  • Trische o spicce l'are. (Treschi o liberi l'aia. O ti dai da fare o te ne vai.)
  • Tu ‘nghe li trênghe, ije ‘nghe la paije, foche fì, foche facce. (Tu con i tronchi, io con la paglia, fuoco fai, fuoco faccio.)
  • Tu sì hadde, ije sò ‘bbasse, tê sì forbe, ma ije te passe.
  • Tutte le case tè nu penge rette. (Tutte le case hanno una tegola rotta.)


(torna all'indice)

  • Ucchije biijnghe e pèle rêsce, ‘nne alluggià se ‘nne chenêsce. (Occhi bianchi e capelli rossi non li ospitare se non li conosci.)
  • Ucchije che nen vète, core che nen desèdere. (Occhio che non vede, cuore che non desidera.)
  • Ugnun' a ll' àrta sè, e lu lòp a le pècure.
  • Ugnùne sa addò je prème la scàrpe.
  • Ugnùne sì à da mesurà nghe la pròpia mezzacànne. (Chi non si misura non dura.)
  • Una lène nen fa fòche. (Un pezzo di legno non fa fuoco.)
  • Uomene de mundàgne e llègne de castàgne, da pòche huadàgne. (Uomo di montagna e legno di castagna da poco guadagno.)
  • Ucchji bbianc', pel' rusce, nt'accustà s' nnì cunusc'. (Occhi bianchi e capelli rossi, non ti avvicinare se non li conosci.)

(torna all'indice)

  • Va cchiù ttèmbe pè la càse 'na pignata rotte che 'na sane. (Coloro che stanno male sono spesso più alacri dei sani.)
  • Vacca vjiecchie, sòleche ritte.
  • Vàle ‘cchiù a nasce sotte a na ‘bbona hère che essere fèije de gran signère. (Vale più nascere sotto una buona stella che essere figlio di un gran signore.)
  • Vàle cchiù 'n àcque fra Màgg' e Abbrile, che nu càrre d'òre nghe ttutte chi le tire. (Vale più l'acqua fra maggio ed aprile che, che un carro d'oro e tutti quelli che lo tirano.)
  • Vatte a ‘ngullà na rote ijù a Tapenille.
  • V'è' l'àsene da la mundàgn', e ccàcce lu patròne da la stàlle. (Viene l'asino dalla montagna e caccia il padrone dalla stalla.)
  • Vénga tarde e vénga ‘bbone. (Venga tardi e venga bene.)
  • Vine tramutàte quarànda jùorne sta 'mmalàte.
  • Vinn' e ppenetìscete. (Per aspettare il miglior mercato spesso ci si rimette.)
  • Vite mandì sta canne, canne mandì sta vite. (Vite sorreggi questa canna, canna sorreggi questa vite.)
  • Vìzije de nature fin' a la mòrte dure. (Vizio di natura, fino a morte dura.)
  • Vòcca ònda nen dice màle de nesciùne. (Bocca unta non dice male di nessuno.)
  • Vòcca ònda s'apre sembre. (Bocca unta si apre sempre.)
  • Vracc-i-a ppètt', e ppjied' a llètte. (Braccia al petto e piedi a letto.)

Lascia un Commento


*