Riserva Naturale Regionale Lago di Penne

 

DSC_0161

Il lago di Penne è un bacino artificiale nato nel 1965, dopo lo sbarramento del fiume Tavo per mezzo di una imponente diga, che si trova nel territorio del borgo di Penne, in provincia di Pescara, Abruzzo. Si tratta di un piccolo specchio d’acqua avente acque limpide che raggiunge una superficie di 1,44 km² ed una profondità massima di 14 metri, ed è posizionato ad una altitudine di 700 metri.

Particolarmente frequentato da chi esercita pesca sportiva,  il lago di Penne ospita svariate specie ittiche. Le carpe sono tra quelle più numerose presenti nel lago e non risulta difficile riuscire a pescarne qualche esemplare. Della famiglia dei ciprinidi sono presenti anche i cavedani ed i carassi. Altre varietà di pesci sono rappresentate da i pesci gatto, ultimamente molto diffusi, i lucci, i persici reali, il persico trota, denominato anche black bass, ed, in minori quantità, le anguille.

Con la creazione del bacino artificiale si è venuta a formare un’area particolarmente adatta alla nidificazione di molte specie di uccelli. Su iniziativa di alcuni naturalisti, accortisi del cambiamento ambientale apportato dallo sbarramento del fiume Tavo, dal 1987 tutto il territorio è divenuto area naturale protetta della regione Abruzzo, con il nome di Riserva Naturale Regionale Lago di Penne.

La riserva risulta caratterizzata dalla  presenza di diversi ambienti naturali, quali, il lago artificiale, zone umide e stagni con conseguente presenza di vegetazione direttamente legata alla presenza di corsi d’acqua, anche detta vegetazione ripariale. Il suo territorio presenta una alternanza di bosco igrofilo, caratterizzato dalla grande necessità di acqua, mesofilo, ambiente adatto ad organismi con fabbisogno idrico di media entità, e termofilo, adatto ad organismi che prediligono climi particolarmente caldi ed asciutti.  

Nell’area attigua al lago sono presenti alberi quali il salice, il pioppo, l’acero e il carpino, e la zona presenta aree dedicate anche alla coltivazione degli ulivi.

Molto ricco è anche il patrimonio faunistico. La riserva accoglie circa 160 specie di volatili, tra stanziali, migratori e nidificanti, tra cui l’airone, l’anatra, la cicogna , l’oca selvatica, la garzetta, la gru, il falco pescatore e la nitticora, che rappresenta anche il simbolo di questa zona protetta.

Il territorio della Riserva Naturale Regionale Lago di Penne si è prestato anche ad essere il centro di iniziative di ripopolazione e conservazione faunistica di specie in grave rischio di estinzione. E’ il caso, ad esempio, del Progetto Lontra del WWF Italia, animale quasi completamente scomparso nel nord  Italia e presente nel resto della penisola in pochissimi esemplari. Dal 1991 la riserva  è stata individuata come perfetto habitat ad ospitare il Centro Lontra,  impianto per la riproduzione e l’allevamento di questo raro mammifero terrestre. Altre iniziative di conservazione faunistica dell’area riguardano il recupero della testuggine terrestre, il progetto anfibi ed il progetto capriolo.

Tra le altre specie di animali presenti nell’area protetta vanno segnalati il riccio, il tasso, la volpe, la talpa, la puzzola, la faina, lo scoiattolo la donnola, il tasso ed anche del cinghiale.

La Riserva Naturale Regionale Lago di Penne ospita anche un orto botanico, provvisto, tra le altre cose, di un percorso allestito per non vedenti, con tabelle recanti in braille i nomi delle specie aromatiche vegetali presenti. Degni di segnalazione sono anche il museo della farfalla ed il Centro di educazione ambientale.

Come arrivare alla Riserva Naturale Regionale Lago di Penne

Dal Nord e dal Sud Italia: prendere l’autostrada A14 e, giunti in Abruzzo, uscire al casello Pescara Nord/Città Sant’Angelo. Imboccare, da lì, prima la strada statale 16 (SS16) in direzione di Montesilvano, e poi la strada regionale 151 (SR 151) in direzione di Cappelle Sul Tavo e Penne. Una volta arrivati al borgo, seguire le indicazioni per il lago di Penne

Da Pescara: seguire prima le indicazioni per Spoltore, e poi per Cappelle sul Tavo. Da lì, imboccare la strada regionale 151 (SR 151) in direzione di Penne. Una volta arrivati al borgo, seguire le indicazioni per il lago di Penne

Lascia un Commento


*